Giovani/5 Siracusano (Intesa Sanpaolo): “Addio alla filiale di mamma e papà”

Sfilate di moda, eventi, personale under 35, postazioni pc self-service, musica di sottofondo, angolo ristoro con bibite e merendine. Negozi o internet point? Da fuori, magari, ci si potrebbe sbagliare, ma si tratta di una banca a tutti gli effetti. È la filiale del futuro, studiata su misura per i giovani. Con prodotti dedicati: conto corrente, carta prepagata, mutui, prestiti, mobile e prodotti di risparmio. La prima è firmata Intesa Sanpaolo. Of-Osservatorio finanziario ha chiesto a Marco Siracusano, Direttore Marketing Privati di Intesa Sanpaolo, come funziona, e cos’hanno di diverso i prodotti creati ad hoc
di: Elisa Vannetti
27 Settembre 2011
Condividi

Leggi anche:
Giovani/1 Ritorna il mutuo per gli atipici. Ma quanto costa?
Giovani/2 Il conto under 35
Giovani/3 Gli studi, il master, lo stage all’estero si pagano a rate
Giovani/4 All’Università con la prepagata in tasca
Giovani/6 Pagnoncelli (IPSOS): “Vi racconto il disagio dei giovani di oggi”

Che durante la Milano Fashion Week (la settimana della moda) capiti di imbattersi nella presentazione della collezione primavera-estate 2012 di Yes Zee, un marchio della maison Essenza, non stupisce più di tanto. Ma che la sfilata di moda si tenga all’interno della filiale di una banca, questo sì che lascia proprio di stucco. Anche se non si tratta di una banca come un’altra. Il defilé, infatti, è stato ospitato venerdì 23 settembre 2011 dalla nuovissima filiale chiamata Superflash (dal nome della prepagata con Iban) di Intesa Sanpaolo, in via Torino 21. La prima solo per giovani, con caratteristiche e funzionalità che niente hanno a che fare con gli sportelli tradizionali delle banche dei genitori. Il personale, infatti, è rigorosamente under 35, vestito informale, e posizionato su una pedana come se si trattasse di commessi di un qualsiasi negozio fashion di abbigliamento. Le postazioni Pc che riempiono l’open space permettono il self-banking, ma anche la navigazione sul web e sui social network, mentre le macchinette di bibite e merendine, posizionate in un angolo, fungono da luogo di ristoro in attesa del proprio turno (leggi qui). Anche gli eventi e le promozioni collegate all'iniziativa, ogni volta diversi, sono un pò fuori dal comune. Come quella che martedì 27 settembre 2011 ha messo a disposizione dei giovani clienti più di 1.000 posti al Teatro alla Scala di Milano per assistere alla prova generale dell’opera "il Cavaliere della Rosa" di Strauss.
La filiale dei giovani è una delle novità di Intesa Sanpaolo. E fa parte del piano 2015 della banca guidata da Corrado Passera che, stando alle indiscrezioni pubblicate sul quotidiano Repubblica, dovrebbe chiudere il 2011 con un risultato operativo stimato intorno ai 7,2 miliardi di euro, sostanzialmente invariato rispetto al risultato ottenuto nel 2010, con un utile netto di circa 2,7 miliardi di euro. “Il piano 2015”, spiega Corrado Passera a Repubblica, “si articola in 150 progetti di cui ben 75 riguardano esclusivamente quella crescita a cui sarà destinato oltre 1/3 dei quattro miliardi di investimenti previsti”.
Con la filiale dei giovani inoltre, vengono lanciati anche altri prodotti a marchio Superflash. Quali condizioni hanno? In cosa si differenziano rispetto all’offerta tradizionale? Of-Osservatorio finanziario ha incontrato Marco Siracusano, Direttore Marketing Privati di Intesa Sanpaolo. Che ha spiegato i dettagli della nuova offerta, e ha chiarito quali sono i motivi che hanno spinto la banca numero uno in Italia, a puntare proprio sui giovani under 35.

Of: È arrivata Superflash. Cos’è?
Siracusano: Innanzitutto un nuovo sito internet, ma anche Mobile Banking, nuovi prodotti e 11 nuove filiali. Tutto pensato per i giovani tra i 18 e i 35 anni.

Of: Perché proprio il marchio Superflash, come la prepagata?
Siracusano: La carta Superflash è un prodotto di successo per la nostra banca, e rappresenta la principale chiave di accesso al mondo dei prodotti bancari da parte dei giovani. Anche da diversi focus group che abbiamo effettuato tra giovani bancarizzati e non, è emerso che Superflash è un brand conosciuto tra i ragazzi ed è per questo motivo che abbiamo scelto di partire proprio da Superflash per costruire un nuovo “mondo” di Intesa Sanpaolo per i giovani.

Of: Come mai nell’era di internet, con i giovani che usano sempre di più l’home banking, è necessario ritornare a puntare sulle filiali?
Siracusano: In realtà non puntiamo sulle filiali a discapito della rete. Sono un valore aggiunto per la creazione di una vera banca multicanale. E soprattutto rispondono ai bisogni dei giovani, di avere qualcuno con cui confrontarsi che li aiuti nelle scelte difficili.

Of: Però voi avete già 5.600 filiali. Perché farne di nuove?
Siracusano: Perché sono filiali a tema, molto diverse da quelle tradizionali della banca dei genitori. Con bancari giovani che hanno meno di 35 anni, Wi-Fi e postazioni per il self banking. E hanno orari di apertura differenti e flessibili: dalle 13.30 alle 19 tutti i giorni, sabato compreso. In pratica sono studiate su misura per i giovani, studenti e lavoratori atipici. E devono pertanto andare incontro alle loro esigenze, anche di orario. Per il momento abbiamo in programma di aprirne 11. Poi in futuro valuteremo la necessità di aprirne delle altre.

Pagine: 1 2 3 4 Avanti






Immagini della sfilata Yes Zee tenutasi il 23 settembre 2011 nella filiale Superflash di Intesa Sanpaolo a Milano, al numero 21 di via Torino





scenari immobiliari il Forum 2016 Of media partner