I migliori conti per le piccole imprese

Rispetto a inizio 2014 i conti correnti per le Pmi hanno visto una riduzione del 4,76% sul canone dell’11,11% sui prelievi. Mentre ad aumentare sono state le carte di pagamento: +15,99% per quelle di debito e +22,16% per quelle di credito. Qual è il migliore conto corrente per le Pmi? Quale quello che costa meno ma che prevede anche importanti servizi extra? Of-Osservatorio finanziario ha eletto il MigliorConto Pmi del 2015. E ha premiato Banco Popolare con YouBusiness, grazie a molti costi azzerati come quelli per le carte e extra come il Pos a zero. Segue Fineco, con il suo Conto Small Business a cui è possibile agganciare anche una prepagata. Terzo posto per Deutsche Bank, con un conto lanciato da poco e dedicato solo ai nuovi clienti, a cui vengono dedicati anche finanziamenti agevolati
di: Eleonora Riva
30 Marzo 2015
Condividi

Quali sono i conti migliori per una piccola e media impresa? E quali le banche che permettono di usufruire dei pagamenti classici per un’azienda senza dover incorrere in costi elevati? La maggior parte delle banche italiane prevedono un’offerta ad hoc per le Pmi, in primis con un’ampia gamma di conti correnti per tutte le esigenze.

Ecco chi occupa le prime 5 posizioni dell’Of MigliorConto Pmi 2015.

Il miglior conto è YouBusiness di Banco Popolare. Dedicato ai nuovi clienti (con fatturato fino a 250.000 euro) che presentano il codice invito in filiale entro il 30 giugno 2015, ha un OFISC di 312 euro. Il canone annuo è di 144 euro, gratuito per i primi 6 mesi se richiesto entro il periodo promozionale, e include operazioni illimitate.

E sono gratuiti anche l’Internet banking, i prelievi da tutti gli sportelli automatici in Italia, la carta di debito e di credito e la domiciliazione delle utenze. Mentre serve 1 euro per effettuare un bonifico verso altra banca sia online sia allo sportello.

Con l’apertura del conto sono previsti gratuitamente anche il servizio di cassa continua, una cassetta di sicurezza e il servizio Pos per il primo terminale installato.
Seconda posizione per il Conto Small Business di Fineco, con un OFISC più ridotto, pari a 246,90 euro. Il canone annuo è di 71,40 euro con 50 operazioni a trimestre incluse. Non sono previste spese per le carte di debito e di credito, i bonifici e la domiciliazione delle utenze. E al conto è possibile agganciare, a un costo di 9,95 euro al mese, anche la prepagata Ricaricabile.
Per i prelievi, sia in Italia che all’estero, è applicata una commissione fissa pari a 1,95 euro ma i primi 50 effettuati rientrano nelle operazioni gratuite.

Medaglia di bronzo per Deutsche Bank con il nuovo db New Business, lanciato il 18 febbraio scorso e sottoscrivibile esclusivamente dai nuovi clienti fino al 30 giugno 2015. Secondo la simulazione di Of il costo medio è di 229,49 euro.
Il canone annuo è di 96 euro, azzerato per i primi 12 mesi. Sono incluse operazioni illimitate online e 60 allo sportello (per le eccedenti 0,50 euro).

Prelevare in Italia è gratuito da tutti gli Atm mentre al di fuori dell’area Euro servono 2,50 euro. I bonifici disposti online verso altre banche hanno un costo di 0,50 euro (0,75 euro per bonifici stipendi) e quelli allo sportello 1 euro. Gratuite la carta di debito e quella di credito, quest’ultima solo il primo anno.
Tra i prodotti extra collegabili, db New Business prevede soluzioni di finanziamento a tasso personalizzato e Pos gratuito (anziché 10,33 euro al mese) se il transato mensile supera i 1.000 euro.

Resta fuori dal podio Unipol Banca con Valore Comune Impresa, con un OFISC di 330 euro.
Il canone annuo è di 180 euro, gratuito per i primi 6 mesi se richiesto entro il 31 dicembre 2015. E include gratuitamente: 60 operazioni a trimestre (oltre 1,81 euro), due carte Bancomat, due carte di credito CartaSi Business Plus e una American Express Business Verde, Internet banking versione base.

I prelievi da altre banche costano 2 euro ma si azzerano presso quelle aderenti al circuito We Cash e scendono a 0,60 euro agli sportelli automatici di MPS. I bonifici allo sportello prevedono un costo di 3,50 euro e quelli online di 0,50 euro.

Con la sottoscrizione di Valore Comune Impresa si accede anche a sconti dal 10% al 25% sulle polizze di UnipolSai, come ad esempio quelle Impresa e Commercio, è possibile rateizzare a tasso zero l’RC Auto e sono previsti finanziamenti agevolati per le start up non avviate da più di 36 mesi.

Pagine: 1 2 Avanti


scenari immobiliari il Forum 2016 Of media partner