logo-mini
OF News - OF Osservatorio Finanziario

SOMMARIO

È uscito l’attesissimo ultimo film della saga di Star Wars. E nonostante sia ambientato in galassie lontane, in realtà le location sono alcuni dei posti più belli del nostro pianeta. Chi ama la saga, ma anche chi ama viaggiare, può esplorare i luoghi meravigliosi che hanno contraddistinto i vari episodi. Partendo dall’Italia con il Lago di Como, l’Etna e Caserta, arrivando fino al Guatemala e alla Thailandia

Leggi Anche:

In viaggio nei luoghi di Star Wars

» Vai allo speciale

Il 16 dicembre è uscito l’ultimo film di Star Wars, Il Risveglio della Forza, saga che nonostante sia ambientata “tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana” ha come sfondo alcuni dei luoghi più belli del nostro pianeta.

Località che non sono magari al momento sicure da visitare (come ad esempio la Tunisia a causa del rischio attentati) o sono molto lontane, ma di cui si può godere della loro bellezza anche stando seduti davanti allo schermo del pc.
E non vale la pena visitarli solo se si è appassionati della saga, riuscendo anche a soggiornare nei luoghi in cui i film sono ambientati. Ma sono posti imperdibili per tutti gli appassionati di viaggi, visto le bellissime location molto diverse tra loro, che permettono di scoprire luoghi spettacolari in tutto il mondo.

Ecco una selezione dei migliori, partendo dall’Italia e arrivando fino all’Estremo Oriente.

Lago di Como


Villa Balbianello, a Lenno, è una delle ville più belle e romantiche del Lago di Como. E la Loggia della Villa, è stata scelta come location per il matrimonio tra Anakin Skywalker e Amidala, nel secondo episodio della saga, grazie alla sua posizione strategica che permette di ammirare al meglio il lago.
La dimora, che fa parte dei beni tutelati dal Fondo Ambiente Italiano, ospita ancora la facciata con i due campanili dell'antica chiesa appartenente al preesistente monastero francescano, alla quale si arriva passando per lo splendido giardino arroccato tra rocce e insenature, con platani potati “a candelabro” alternati a statue.

Prendendo il battello, meglio se in una giornata primaverile o autunnale, ci si può spostare sulla sponda opposta del lago, a Bellagio, anche conosciuto come “la Perla del Lago”. Qui si potrà passeggiare o fare acquisti tra i vicoli acciottolati del vecchio borgo. Oppure recarsi a Villa Melzi per ammirare i suoi giardini, ricchi di azalee e rododendri fioriti nei mesi di aprile e maggio. Oppure il laghetto giapponese con numerose piante acquatiche, come le ninfee e circondati da aceri e cedri giapponesi.

Caserta


Negli episodi I e II della saga, la Reggia di Caserta si trasforma nel Palazzo Reale di Naboo, di proprietà della regina Amidala, mantenendo intatti – senza ritocchi digitali – gli interni della dimora storica appartenuta alla casa reale dei Borbone di Napoli. Oggi Patrimonio dell’Unesco, ricopre un’area di circa 47.000 m² composta da 1.200 stanze e 34 scale ed è la più grande residenza reale al mondo.
Immancabile una fotografia allo Scalone d’Onore, alto 32 metri, affiancato da grandi leoni in marmo e composto da 172 gradini. All’esterno si può passeggiare in un vasto parco diviso in due parti: un giardino all’italiana con diverse fontane e la famosa Grande Cascata, e quello all’inglese composto principalmente da boschi.

---- Chi ha ancora tempo per visitare Caserta e dintorni ne può approfittare per visitare altri due Patrimoni dell’Umanità, il Belvedere Reale di San Leucio e l’Acquedotto Carolino. Il primo è un complesso monumentale nato dal sogno di Re Ferdinando di dar vita a una comunità autonoma, chiamata Ferninandopoli, diventata poi una reggia-filanda in cui lavorare la seta. Il secondo, nato proprio per alimentare la comunità di San Leucio e per fornire apporto idrico anche alla Reggia di Caserta, si snoda (per lo più sotto terra) per 38 chilometri. Ma è possibile vedere "I ponti della valle", struttura in tufo a tre ordini di arcate poggianti su 44 piloni a pianta quadrata sul modello degli acquedotti romani.

Etna


È dal 2013 Patrimonio dell’Unesco anche l’Etna, vulcano che ha fatto da sfondo, nell’episodio III “La Vendetta dei Sith” alla battaglia tra Anakin e Obi-Wan, rappresentando il pianeta vulcanico di Mustafar. Con i suoi 3.350 metri, rappresenta il vulcano attivo terrestre più alto della placca euroasiatica, e per questo oltre i 1.000 metri è possibile vedere la neve anche poco prima dell’estate. Presenti anche due stazioni sciistiche, da quella a sud si può ammirare il panorama del Golfo di Catania, mentre da quella a nord, Taormina e le coste della Calabria.

Per visitare l’Etna si può scegliere di soggiornare nella vicina Catania, il cui centro storico è un altro Patrimonio dell’Umanità. Il giro della città può partire dalla piazza del Duomo, in cui è presente l’emblema della città, la fontana dell’Elefante. Da qui si può poi prendere la via Etnea, la strada più importante del centro ora trasformata in un’isola pedonale, dove fare acquisti oppure fare una pausa in uno dei numerosissimi ristoranti e bar.

Siviglia


La Plaza de España, situata all’interno del parco di Maria Luisa è uno degli spazi architettonici più spettacolari di Siviglia. A forma di semicerchio, è stata trasformata nella città di Theed nell’episodio I, La Città Fantasma, e II, L’Attacco dei cloni, in un grande cerchio intero. Con un diametro di 170 metri, la piazza rappresenta l’abbraccio della Spagna alle sue antiche colonie e guarda verso il fiume Guadalquivir che simboleggia la strada per l'America. Il canale che la attraversa è sormontato da 4 ponti che rappresentano gli altrettanti regni antichi della Spagna. Particolari anche le panchine, decorate con ceramiche e maioliche, che rappresentano le 54 province spagnole.

Una vacanza a Siviglia non può non includere la visita della Giralda, la cattedrale simbolo della città, un tempo un antico minareto e dell’Alcazar Reale, fortezza dei mori trasformata in palazzo reale che combina elementi architettonici islamici, rinascimentali e gotici. La passata influenza araba si riscontra anche alla Torre dell’Oro, una volta usata per scopi difensivi e per custodire le ricchezze importate dalle colonie. Siviglia ospita anche una delle arene da corrida più importanti del paese, la plaza de Toros de la Real Maestranza.

----

Tunisia


Sono numerose le ambientazioni del film di Star Wars in Tunisia. Una di queste è il villaggio berbero di Matmata, situato alle porte del Sahara. Qui si può visitare la casa degli zii di Luke Skywalker, all’interno dell’hotel Sidi Driss composto da 5 grotte scavate nella pietra in cui ci si può fermare per un pranzo ma anche per soggiornare, in dormitori con bagni in comune. Chott el-Jerid è invece un lago salato che copre oltre 5.000 km² di superficie ed è il luogo contraddistinto da crateri in cui per la prima volta fa la sua apparizione Luke.

Un altro villaggio berbero, quello di Ksar Hadada, è stato invece scelto come quartiere degli schiavi di Mos Espa, nell’episodio I: La Minaccia Fantasma. Situato nelle vicinanze della città di Tataouine, il villaggio nasce come insieme di granai fortificati poi trasformati in abitazioni dalle tribù locali. Un altro set imperdibile, costruito dalla troupe della saga in mezzo al deserto, è Ong Jemel, che faceva da sfondo alla città Mos Espa e che ora è a rischio a causa dell’avanzamento del deserto, che sta ricoprendo la location di sabbia.

Abu Dhabi


Il deserto di Abu Dhabi è la nuova location dell’ultimo film della saga, appena uscito. Prendendo il posto della Tunisia, probabilmente a causa degli elevati rischi di attentati nel paese nord africano. Antico e moderno si fondono nella capitale degli Emirati Arabi. Da non perdere una visita alla Grande Moschea dello sceicco Zayed, una delle più grandi al mondo, che può ospitare fino a 40.000 fedeli. Composta da 80 cupole, 1.000 colonne e lampadari placcati d’oro 24 carati ospita nella sala preghiera uno dei più grandi lampadari a bracci del mondo: 10 metri di diametro, 15 metri di altezza e oltre 9 tonnellate di peso.

Per un soggiorno lussuoso si può optare per l’icona della città, l’Emirates Palace, hotel è costituito da 114 cupole, con la cupola centrale posizionata all'imponente altezza di 72,6 metri. Mentre oro, madreperla e cristalli dominano gli interni. Oppure per il Yas Viceroy, unico hotel al mondo ad essere costruito su una pista da Formula 1, metà sulla terraferma e metà sull’acqua. Senza dimenticare le Etihad Towers, complesso che comprende tre torri residenziali e l’hotel cinque stelle Jumeirah at Etihad Towers, alto ben 280 metri.

----

Islanda


Il ghiacciaio di Eyjafjallajökull potrebbe fare da scenario al pianeta Hoth, oppure rappresentare Sith nell’ultimo film appena uscito Il Risveglio della Forza. Quinto per estensione tra i ghiacciai islandesi, si trova nella parte meridionale dell’isola e ricopre il vulcano Eyjafjöll, reso famoso alle cronache dall’eruzione del 2010 che bloccò i cieli europei. Lo si può raggiungere con un breve tragitto dalla capitale Reykjavik chiamata “Baia del fumo” per le sue sorgenti termali.

La parte sud dell’isola offre anche altre numerose attrattive che rientrano nel Circolo d’Oro, un percorso che percorso che comprende alcune delle mete imperdibili dell’Islanda. Come il parco naturale di Thingvellir, Patrimonio dell’Unesco, la cascata di Gullfoss, una delle più spettacolari e Geysir, il geyser più antico del mondo, le cui eruzioni spingono fiotti di acqua bollente alti fino a 60 metri ma che in caso eccezionali (come per due giorni nel 2000) possono superare anche i 120 metri. Per una pausa rilassante si può optare per la Laguna Blu d’Islanda, piccolo lago termale che può raggiungere temperature intorno ai 37-39 gradi, risultato di antiche formazioni laviche.

Stati Uniti


La Death Valley, parco nazionale situato in California e in piccola parte nel Nevada, è stato il set di numero scene per rappresentare il deserto di Tatooine. Ad esempio, nell’episodio IV: Il Ritorno dello Jedi, la strada per il palazzo di Jabba era in realtà il Canyon di Twenty-Mule Team. Ma alcune scene sono state girate all’Artist’s Palette, denominato così grazie ai colori vividi delle sue rocce e al Canyon della Desolazione. La valle, lunga 225 chilometri, deve il suo nome al clima arido che porta le temperature a toccare i 50 gradi da maggio a settembre.

Tappe imperdibili nella Valle della Morte sono anche la distesa di saline di Badwater, il punto più basso del Nord America, a -86 metri sotto il livello del mare e Zabriskie Point, da cui ammirare il paesaggio lunare della valle. Nella zona di Scotty’s Castle, in cui veramente è stato costruito un castello da un convinto di investire in una miniera d’oro in realtà inesistente, si trova The Racetrack, in cui ha luogo il fenomeno delle pietre mobili, che si spostano per lunghi percorsi senza l’intervento di uomini o animali.

----

Guatemala


Le antiche rovine Maya di Tikal sono state scelte per rappresentare la base Ribelle su Yavin 4, nell’episodio IV della saga. Patrimonio dell’Unesco, le rovine si trovano all’interno di una foresta pluviale e includono piramidi alte fino a 64 metri. Oggi Tikal è un complesso di 576 chilometri mentre in passato era la potenza politica maggiore di tutta l'area guatemalteca. Il sito è anche uno dei pochi Patrimoni dell’Umanità eletti non solo in base a criteri culturali ma anche relativi alla natura, grazie alla straordinaria biodiversità. Può capitare, ad esempio, di visitare le rovine e incontrare qualche giaguaro.

Il Guatemala offre anche altri bellissimi panorami. Come quello del Lago de Atitlan, originatosi dallo sprofondamento di un cono vulcanico, profondo 340 metri. O Antigua Guatemala, antica capitale del paese, famosa per gli esempi di architettura barocca ispano-americana e per le numerose rovine, molto suggestive, di antiche chiese. Il territorio circostante è caratterizzato dalla presenza di 3 vulcani, il più grande si chiama Volcán de Agua ed è alto circa 3766 metri.

Thailandia


Phang Nga Bay è una delle località più incantevoli della Thailandia e le sue sommità calcaree hanno rappresentato, nell’episodio III, il pianeta di Kashyyyk. Situata a circa 95 km dall’isola di Phuket questa baia consente di esplorare grotte acquatiche e isole calcaree. La più famosa è quella di Ko Ping Kan, più comunemente conosciuta come James Bond Island, perchè qui fu girato il film del 1974 Agente 007-L’uomo con la pistola d’oro.
In un viaggio in Thailandia non può però mancare una visita anche alla capitale Bangkok dove lo skyline moderno si fonde con monumenti antichi come il Wat Arun, tempio buddista caratterizzato da una guglia alta più di 80 metri e il Wat Pho, che ospita una statua del buddha sdraiato lunga 46 metri.

Per chi dedica qualche settimana alla visita del paese la soluzione migliore è quella di spingersi verso nord per visitare Ayutthaya, l'antica capitale della Thailandia, e il Wat Mahathat, lasciandosi incantare dal volto del Buddha scolpito in un albero e le rovine di Sukhothai, oltre 200 inclusi 26 templi e il palazzo reale. Arrivando fino a Chang Rai, ideale per fare un giro su un elefante o per visitare il Triangolo d’Oro e a Chang Mai, che ospita oltre 300 templi buddhisti.

» Vai allo speciale

© Of-Osservatorio finanziario riproduzione riservata


Il nostro network

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Vai al sito

Visita il sito