Led: ristrutturare casa con luci di design (che tagliano la bolletta)

Sono efficienti, sicure e consumano il 90% in meno rispetto alle lampadine tradizionali. Le luci a led sono l’ultima frontiera dell’illuminazione domestica. Ideali soprattutto per le ristrutturazioni. Ma sono anche oggetti di design grazie all’opera di progettisti e designer. E diventano smart, grazie agli ultimi ritrovati della domotica, che ne permettono il controllo anche da distanza. Ecco quanto costano i più bei modelli sul mercato
di: Margherita Costa
22 Dicembre 2015
Condividi

» Vai alla fotogallery



Le lampade a Led sono l’ultima frontiera per l’illuminazione privata e pubblica. Sono composti da diodi a emissione luminosa, ovvero piccole fonti di energia montate su un circuito elettronico stampato. Questa tecnologia, sviluppata a partire dal 1962, presenta numerosi vantaggi. Produce dispositivi affidabili, perché possono restare in vita fino a 20 anni rimanendo accesi molte ore al giorno, resistono all’umidità e non richiedono quasi alcuna manutenzione. Sono anche sicuri, perché sono alimentati a bassa tensione ed emettono una luce che non scalda, priva di raggi infrarossi e UV. Sono efficienti, perché consumano il 90% in meno di un vecchio dispositivo a incandescenza. Il paragone si fa in fretta: una lampadina a incandescenza da 40 watt, che ha la durata media di un anno, fa la stessa luce di una a Led di soli 8 watt, con aspettativa di vita di 15-25 anni.

Il Led ha fatto la felicità di molti designer e progettisti. Infatti il circuito elettronico ha dimensioni così ridotte da poter essere applicato a strutture che prima sarebbe stato impensabile costruire. In passato la “testa” delle lampade era proporzionata a quello che era il volume o la presenza di una lampadina. Oggi le sorgenti sono puntiformi e non caratterizzano più il corpo dell’oggetto che quindi può assumere forme diverse.

L’elevata luminosità anche a bassa corrente permette di liberarsi dalla presa elettrica tradizionale e di produrre oggetti luminosi che si ricaricano a batteria o tramite usb.

Le novità


Una delle ultime novità di Kartell è Battery, abat-jour icona in polimetilmetacrilato trasparente. La grande innovazione è data dal fatto che è 100% ricaricabile grazie a un’alimentazione a cavo usb e può vivere in autonomia fino a 6 ore. Questo le consente di essere spostata con grande facilità, in punti della casa in cui non ci sono prese elettriche oppure all’esterno, sul terrazzo o a tavola. Monta una lampadina a Led da 8 watt, pari a 40 watt tradizionali. Costa 134 euro.

Robin di Philips è una gamma pensata per l’illuminazione di giardini e terrazzi: la forma tradizionale della lanterna integra Led a luce bianca calda che garantiscono un’atmosfera accogliente e soprattutto possono rimanere accesi tutta la notte senza far lievitare i consumi elettrici. Resistente all’acqua, costa 51,90 euro.

Pagine: 1 2 Avanti


scenari immobiliari il Forum 2016 Of media partner