Immobiliare Happy New Year/ La Legge di Stabilità punta sulla casa

Le tasse sulla prima casa sono state abolite, o ridotte a seconda dei casi. Sono stati introdotti sgravi fiscali per chi ristruttura, per le giovani coppie che comprano mobili, per chi cambia casa, e per chi sceglie un immobile di classe A. E poi, la novità più discussa, il leasing: a rate, senza mutuo, finanziando fino al 100% dell’immobile. La Legge di Stabilità 2016 punta sull’immobiliare. Ecco cosa cambierà per chi deve comprare o investire
di: Elisa Vannetti
25 Gennaio 2016
Condividi

Leggi anche:
» Immobiliare Happy New Year/ L’intervista. Civelli (Reag): “Vi svelo cosa accadrà da oggi in poi”
» Immobiliare Happy New Year/ Le banche che vendono case. 12 mesi per conquistare il mercato
» Immobiliare Happy New Year/Algarve in Portogallo, Marbella in Spagna. Dubai e Los Angeles: dove la casa rende di più
» I migliori mutui

Risollevare le sorti del mercato immobiliare, dopo una crisi, durata 8 anni, che ne ha indebolito pesantemente le fondamenta. E’ questo, senza troppi giri di parole, l’obiettivo della manovra fiscale introdotta a fine anno con la Legge di Stabilità 2016. Le principali novità, infatti, vertono proprio intorno al mondo casa. Con l’intento, duplice, di stimolare le compravendite, soprattutto da parte di giovani coppie, e di alleggerire al tempo stesso, una pressione fiscale che per molti, in questi anni di difficoltà economiche, è diventata insostenibile. Ma cosa cambia in concreto nel 2016? E quali effetti avrà, la nuova legge, sull’effettivo andamento del mercato immobiliare? Le compravendite incrementeranno? E, soprattutto, le giovani coppie potranno sperare di acquistare la loro prima casa nei prossimi mesi?

Per i già proprietari


Una delle novità più interessanti introdotte dalla Legge di Stabilità riguarda la riduzione della pressione fiscale sulla prima casa. A cominciare dalla Tasi, cioè la tassa sui servizi indivisibili rivolti alla collettività (che serve per finanziare la manutenzione stradale o l’illuminazione comunale, per esempio), che se ne va per tutti, tranne che i proprietari di case extra lusso, ville e castelli. Il beneficio, inoltre, riguarda anche le abitazioni date in comodato d’uso gratuito ai figli, a un genitore o a un ex coniuge.

Anche l’IMU, già abolita su tutte le prime case, viene mantenuta per chi ha come dimora principale una super villa. Mentre è ridotta quella sulla seconda casa, ma solo a condizione che sia concessa gratuitamente ai figli o ai genitori anziani, oppure sia rimasta in possesso dell’ex coniuge.

Infine, è sostanzioso lo sconto per chi ha una seconda casa da dare in affitto. In questo caso, infatti, l’IMU è scontata del 25% qualora il proprietario decidesse di applicare un canone di locazione concordato.

Pagine: 1 2 3 Avanti