logo-mini
Rifioriscono i Depositi: il rendimento sale fino al 2% OF OSSERVATORIO FINANZIARIO

SOMMARIO

Dopo anni di tassi a zero virgola qualcosa, rifioriscono le promozioni sulla liquidità remunerata. Conti di deposito e linee vincolate tornano ad offrire rendimenti interessanti, ma solo per brevi periodi. E ci sono condizioni da soddisfare: c’è chi chiede di apportare nuova liquidità; e chi di investire parte dei fondi in prodotti di risparmio gestito. Quanto si può guadagnare? E a quali condizioni?

Rifioriscono i Depositi: il rendimento sale fino al 2%

La liquidità, dopo un periodo di magra, torna a rendere qualcosa. Anche sui vincoli a medio e breve termine. Nonostante i tassi di riferimento siano ancora ai minimi, infatti, ricompaiono le promozioni sui conti di deposito e sulle linee vincolate al conto corrente. Dopo oltre un anno di tassi a zero virgola qualcosa. Ecco allora che mantenere i capitali liquidi, aspettando momenti migliori per tornare a investire può essere ancora una scelta fruttuosa, anche al netto delle tasse. Soprattutto se si rapporta il guadagno con il tasso di inflazione attuale. E sicuramente più remunerativa del classico conto corrente a zero rendimento. Quanto si può ottenere? E a quali condizioni?

Le promozioni


Sebbene i tassi più alti siano ancora offerti per le scadenze a lunghissimo termine (il rendimento maggiore è proposto da Conto Esagon di Credito Fondiario, con il 2,50% lordo su vincoli a 84 mesi), tuttavia sono in aumento le promozioni anche sulle scadenze a 3, 6 e 12 mesi, i vincoli di norma più richiesti. Ecco allora che, tra le ultime novità, c’è tempo fino al 7 luglio per richiedere Conto Arancio di ING Direct con un tasso annuo lordo del 2% per i primi 6 mesi (su somme fino a un massimo di 50.000 euro). Ma solo a patto di essere già correntisti e di aver preventivamente disposto sul conto corrente l’accredito dello stipendio o almeno 3 versamenti da 1.000 euro al mese.

Widiba, invece, consente a tutti i nuovi correntisti che attivano congiuntamente una linea vincolata di ottenere un tasso dell'1,60% lordo a 6 mesi.
Scade a fine mese, invece, la nuova offerta di CheBanca! sul conto di deposito che garantisce, sempre a 6 mesi, un rendimento promozionale dell’1,35%, ma solo ai nuovi clienti o a chi apporta nuova liquidità.
Si porta a casa un lordo annuo dello 0,75% per lo stesso periodo di tempo con Banca IFIS e Banca 5, la ex banca dei tabaccai del Gruppo Intesa Sanpaolo che ha a disposizione per i clienti il deposito remunerato MYITB. Mentre non si supera il 0,50% lordo con Conto Italiano di Deposito Extra di Banca Monte dei Paschi di Siena, ma solo a condizione che si apporti nuova liquidità.

Se si opta per il vincolo a 12 mesi, invece, il rendimento più alto, pari all’1,40%, è offerto da Banca Popolare di Bari per il Time Deposit Web, richiedibile unicamente online via internet dai titolari di Conto Quick. In realtà, si tratta di un conto di deposito con rendimenti crescenti nel tempo: si parte il primo trimestre con una remunerazione dello 0,70% che sale al tondo 1% nel secondo trimestre, per poi arrivare rispettivamente all’1,30% e all’1,40% al termine dei 12 mesi.

Arrivano a garantire l’1% tondo per durate a un anno Banca IFIS con Rendimax TOP, che prevede la liquidazione posticipata degli interessi maturati, e il deposito MYITB di Banca 5, in offerta fino al 30 giungo. Mentre si ferma allo 0,95% Rendimax First di Banca IFIS, che a differenza del precedente prevede la liquidazione anticipata degli interessi, e arriva a garantire lo 0,75% loro Conto Esagon di Credito Fondiario.

Le offerte ibride


Non solo linee vincolate. Tra le ultime novità svettano i primi prodotti ibridi, che abbinano un rendimento maggiore sul conto di deposito a patto che si sottoscrivano congiuntamente anche altri prodotti di investimento.
E’ il caso, per esempio, di Credem che arriva a offrire il 2% lordo (fino a fine maggio) per vincoli di 3 mesi, a patto che si sottoscrivano parallelamente prodotti gestiti pari al 30% dell'investimento complessivo. Significa che per collocare 7.000 euro all’interno del conto di deposito, è necessario averne investiti altri 3.000 euro in prodotti di risparmio gestito. Per un totale, dunque, di 10.000 euro.

Un po’ particolare, invece, la nuova promozione di Unipol Banca, valida fino al 30 settembre, che prevede la sottoscrizione di un Time Deposit a 24 mesi a un tasso annuo lordo dell’1,20%, da abbinare però necessariamente a un Fondo PIR tra quelli collocati dalla Banca o una Polizza UnipolSai Investimento PIR. L’importo minimo da investire per ottenere il tasso di interesse è di 25.000 euro. Di questi, in particolare, devono essere investiti nel Time Deposit a 24 mesi da un minimo di 15.000 euro a un massimo 100.000 euro. Mentre nel Fondo PIR o nella Polizza UnipolSai Investimento PIR va investito un importo minimo di 10.000 euro e fino a un massimo di 30.000 euro.

© OF Osservatorio Finanziario - riproduzione riservata

Leggi Anche:

Un conto per tutti

Leggi tutto

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Leggi Privacy Policy.

Visita il sito