logo-mini

SOMMARIO

Rispetto al mese di ottobre del 2008, le banche hanno aumentato gli spread applicati ai mutui a tasso variabile e fisso, ma, nel secondo caso, i rincari sono stati maggiori. È quanto emerge da una nuova indagine condotta dall’Osservatorio finanziario su un campione rappresentativo del panorama bancario italiano.

Carissimo Mutuo/2: + 24% anche sul tasso fisso

Secondo gli analisti di Of-Osservatorio finanziario, negli ultimi mesi, le banche hanno aumentato del 20,7% gli spread applicati ai mutui a tasso variabile indicizzati all’Euribor (leggi). Una seconda indagine, condotta su un campione rappresentativo del panorama bancario italiano - composto da banche grandi e piccole, italiane e straniere, generaliste e specializzate - rivela che, tra l’ottobre del 2008 e lo scorso mese di marzo, il rincaro realizzato sui mutui a tasso fisso è stato superiore.

Molti istituti di credito, infatti, per calcolare il costo di un mutuo a tasso fisso, fanno riferimento all’Eurirs, un parametro che varia in funzione della durata del finanziamento e sul quale viene applicato uno spread, esattamente come accade nel caso dei mutui a tasso variabile; la differenza è che tale parametro viene utilizzato unicamente per definire il costo del mutuo al momento della sottoscrizione e non per calcolare, mese dopo mese, la rata del finanziamento, che resta costante per tutta la durata del prestito.

Anche nel caso dei mutui a tasso fisso, quindi, le banche hanno approfittato dei tassi calanti per aumentare il proprio margine di guadagno (guarda la tabella). Secondo quanto Of-Osservatorio finanziario è in grado di ricostruire, lo spread applicato dalle banche è cresciuto del 24,07%, passando dall’1,08 di ottobre 2008 all’1,34 medio di marzo 2009. Se questi aumenti non si sono tradotti in maggiori costi per i nuovi sottoscrittori di mutui a tasso fisso, è perché, nel frattempo, il tassi di riferimento sono calati più che proporzionalmente: tra la fine di ottobre dell’anno passato e l’inizio del mese di aprile 2009 l’Eurirs a 15 anni è sceso dal 4,53 al 3,76%. Risultato: rispetto ad un finanziamento di 100mila euro a 15 anni sottoscritto cinque mesi fa, il costo complessivo di un mutuo a tasso fisso è sceso, nel campione considerato, dal 5,6 al 5,1%, con uno sconto sulla rata di circa 26 euro (da 822 a 796) per un mutuo di analoghi importo e durata acceso ad inizio aprile.

In rapporto al calo registrato su un mutuo a tasso variabile con caratteristiche analoghe, non è molto. Chi, infatti, ha sottoscritto un mutuo di 100mila euro a tasso variabile nel mese di marzo, impegnandosi a saldare il debito in un periodo di 15 anni, ha pagato una rata di 692.51 euro (tasso finito 3,04), più bassa di circa 171 euro rispetto a coloro che hanno acceso un mutuo di uguale importo e durata nell’ottobre del 2008. Non stupisce, dunque, che l’incidenza sul totale dei nuovi mutui a tasso variabile sia tornata a salire, passando dal 30% dei primi cinque mesi del 2008 al circa 40% di febbraio (era al 78% nel 2003).

È necessario ricordare, tuttavia, che chi sottoscrive un mutuo a tasso variabile oggi, allettato dai tassi ai minimi (e con prospettive di ulteriori riduzioni nei mesi a venire), si sta accollando un aumento degli spread che, se oggi non è percepibile, farà certamente sentire il suo peso nel momento in cui i tassi ricominceranno a salire. Per contro, chi si indebita a tasso fisso oggi, forse non può beneficiare di significativi riduzioni sull’importo della rata, ma ha la certezza che, in futuro, non subirà le ripercussioni di eventuali aumenti dei tassi.

Leggi Anche:


Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Leggi Privacy Policy.

Visita il sito