logo-mini
Come organizzare online la vacanza fai da te OF OSSERVATORIO FINANZIARIO

SOMMARIO

Per organizzare un viaggio (anche oltre oceano) occorre necessariamente affidarsi a un’agenzia? Ovviamente no. Ci sono però dei passaggi da seguire scrupolosamente, per non lasciare nulla al caso. Ecco quali sono le fasi essenziali, dalla scelta della destinazione (che deve essere un luogo sicuro) alla programmazione dell’itinerario, con gli esempi di quattro destinazioni che si possono organizzare tranquillamente in autonomia: Thailandia, Malesia, Stati Uniti e Andalusia

Come organizzare online la vacanza fai da te

Si inizia con il volo (da cercare possibilmente al prezzo più conveniente), a cui seguono la raccolta di tutte le informazioni più utili, la pianificazione dell’itinerario, le prenotazioni degli alloggi e gli spostamenti interni. Tutto questo, ovviamente, dopo aver scelto la destinazione. Organizzare un viaggio fai da te, senza cedere alla tentazione di entrare in agenzia, è tutt’altro che semplice. Ma, sicuramente, ripaga di tutta la fatica fatta.

OfTravel segnala i passaggi fondamentali da seguire quando ci si appresta a organizzare una vacanza da viaggiatori indipendenti. La redazione, inoltre, ha selezionato alcuni viaggi itineranti in giro per il mondo, considerando una vacanza estiva di due settimane durante il periodo di agosto. Nel fare ciò non si vuole mostrare un minuzioso itinerario di viaggio giorno per giorno ma dare un’idea indicativa dei costi da preventivare e delle considerazioni da fare. E l’ultimo (e più atteso) passaggio sarà quello della partenza!

La destinazione, il volo, la guida di viaggio, le informazioni, l’itinerario


L’organizzazione del viaggio parte con la scelta della destinazione. Occorre infatti precisare che da viaggiatori indipendenti è meglio evitare alcuni paesi e regioni. Quali? Per saperlo nei dettagli, ed essere certi che la destinazione scelta non è a rischio, si può consultare il sito Viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri che non solo fornisce tutti gli avvisi importanti (allarmi terroristici, allerte meteo…) ma è anche un utile strumento di informazione sanitaria, sulla preparazione del viaggio e sulle precauzioni da seguire. Inoltre, con il servizio Dove siamo nel mondo, è possibile segnalare la propria temporanea partenza al Ministero degli Esteri, in modo tale da velocizzare gli interventi di soccorso in caso di necessità.

Un’altra considerazione da fare nella scelta della meta è: “Qual è il periodo migliore per visitarla?” . Ci sono infatti paesi che, durante i mesi estivi, non sono consigliabili a causa delle condizioni meteo e del clima.

Scelta la destinazione, la prima cosa da fare è prenotare volo di andata e di ritorno. È infatti impossibile costruire un itinerario efficace se non si hanno in mente le date di partenza e ritorno. Per ricercare il volo più conveniente ci si può affidare a un motore di ricerca voli (come Skyscanner) o alle agenzie di viaggi online (come Volagratis). Il consiglio comunque è di verificare poi sul sito della compagnia aerea se è possibile avere una tariffa ancora più conveniente. Attenzione poi al numero di scali (già affrontarne due diventa impegnativo) e all’ora di arrivo in aeroporto all’andata: meglio evitare di atterrare in piena notte.

---- Acquistati i biglietti dei voli, è fondamentale effettuare un’attenta ricerca di informazioni, leggendo non solo quelle utili alla stesura dell’itinerario (come luoghi e attrazioni di maggior interesse), ma anche informandosi circa questioni burocratiche (occorre il visto? È aggiornato il passaporto?); sanitarie (è necessario fare delle vaccinazioni?) ed economiche (meglio i contanti o la carta? È il caso di stipulare un’assicurazione?). Molte di queste domande (se non tutte) possono essere risolte leggendo una guida aggiornata e approfondita, come quelle fornite da Lonely Planet, mentre alcune informazioni (ad esempio su visti e ambasciate) si possono reperire anche online, ad esempio nell’apposita area del sito della Farnesina. Sul sito dell’Organizzazione mondiale della sanità è poi possibile conoscere quali sono le vaccinazioni necessarie nei vari paesi stranieri e dove sono presenti allarmi sanitari.

Finita la full-immersion di ricerca informazioni, si può iniziare con la pianificazione del viaggio. La scelta delle tappe è il momento più complesso, perché occorre fare scelte sensate (il tempo non è infinito e non si può vedere tutto), calcolare le distanze, i tempi di percorrenza e i mezzi per muoversi. Anche qui occorre fare delle scelte: conviene noleggiare un’auto oppure le tappe sono ben collegate tra loro con treni e/o pullman? Quanto costano?

La scelta degli alloggi


Una volta che si hanno ben in mente le tappe del viaggio, si possono prenotare hotel e appartamenti già da casa. Su Booking si trovano più di 800.000 strutture distribuite in 223 paesi nel mondo, scegliendo l’alloggio tra hotel, ville, resort, appartamenti, B&B, ostelli e affittacamere. Trivago è invece un motore di ricerca hotel che confronta un milione di strutture, segnalate tra circa 250 siti di prenotazione online. Si sa già che si preferisce dormire in un appartamento, in una casa vacanza o in una camera affittata? Air Bnb è l’ideale, mettendo in contatto persone in ricerca di un alloggio per brevi periodi con altre che dispongono uno spazio extra da affittare, generalmente privati, in oltre 34.000 città di 190 paesi. È invece focalizzato sugli ostelli, comprendendo però anche hotel e B&B, Hostelworld che attualmente include 133.000 strutture ricettive in 170 paesi.

Ma come essere sicuri di scegliere una buona soluzione? La certezza assoluta ovviamente non c’è ma si può fare affidamento sulle recensioni online: TripAdvisor e Air Bnb forniscono recensioni aggiornate sulle condizioni degli alloggi in affitto.

E adesso ecco alcuni esempi di organizzazione vacanza fai da te, con l’indicazione di un ipotetico itinerario e di alcuni costi (che sono indicativi perché probabilmente subiranno modifiche nel breve periodo).

----

Thailandia


Cosa sapere prima di partire per la Thailandia? Il passaporto deve avere una validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo, mentre non è necessario il visto per viaggi inferiori ai 30 giorni. Consigliabile poi stipulare una polizza assicurativa sanitaria, mentre il Ministero degli Esterni informa che non è obbligatoria alcuna vaccinazione.

Per quanto riguarda il volo, prenotando tramite eDreams, due passeggeri in partenza per Bangkok da Roma Fiumicino l’8 agosto e ritorno il 21, pagano 1.050 euro a persona, con volo diretto operato da Thai Airways. Chi è alla ricerca di una tariffa più conveniente può ricercare tra i voli che effettuano scalo. Sul sito Volagratis, le tariffe partono invece dai 1.035 euro per chi decolla da Milano con volo diretto (Thai Airways International).

Le tappe di questo viaggio alla scoperta della Thailandia possono essere: la capitale Bangkok; Sukhothai (distante circa 428 chilometri e da raggiungere in pullman, treno o con volo interno) che conserva uno dei siti archeologici più belli del paese; Chiang Mai sede di circa 300 templi (distante 300 chilometri dalla seconda tappa); Ko Samui, splendida isola della Thailandia (distante oltre 1.000 chilometri e da raggiungere quindi con un volo interno low-cost) e ritorno nuovamente a Bangkok.

Una comoda soluzione per muoversi è quella di scegliere voli interni. Ad esempio, i voli diretti da Chiang Mai per Ko Samui per il 16 agosto partono dai 9.100 bath (circa 236 euro), con la compagnia Bangkok Airways, per una durata di circa un’ora e 45 minuti. Tornare a Bangkok da Ko Samui, costa dai 135 euro, con volo diretto e medesima compagnia aerea.

E per la notte? Ecco alcuni suggerimenti: a Bangkok costa 79 euro a notte il 5 stelle U Sathorn Bangkok (tariffa Booking), indicativamente dall’8 al 10 agosto. L’hotel dista 800 metri dalla stazione della metropolitana di Lumphini, 900 metri da quella di Toei-Khlong.
A Phuket si può invece prenotare da TripAdvisor al 4 stelle BYD Lofts Boutique Hotel & Serviced Apartments, a 5 minuti a piedi da Patong Beach. Il costo è di 96 euro a notte per due persone, dal 16 al 19 agosto.

Malesia e Singapore


Anche per questo viaggio è necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità residua, mentre il visto non è richiesto, così come le vaccinazioni obbligatorie.
Il viaggio inizia a Kuala Lumpur, la più grande città della Malesia. Volare con Emirates costa 890 euro prenotando da Expedia e partendo da Milano Malpensa l’8 agosto con ritorno il 21. Sia all’andata che al ritorno il volo fa scalo a Dubai, con sosta di circa 2 ore.

Da Kuala Lumpur si vola a Kota Bharu, nel nord est della penisola malese, con volo interno operato da Air Asia (69.000 myr, ovvero circa 14 euro). Da Kota Bharu si raggiunge in taxi Kuala Besut e da qui si prosegue in barca con un’agenzia locale verso le paradisiache isole Perhentian, in circa mezzora di navigazione. Le isole si trovano a ridosso del confine thailandese, ricche di spiagge bianche di sabbia corallina e vegetazione tropicale.
Per il soggiorno a Perhentian Besar (l’isola più grande) si può prenotare tramite Booking al The Barat Perhentian, affacciato sulla spiaggia. Il costo, per la terza settimana di agosto, è di 54 euro a notte.

Chi ha disposizione una settimana in più, può aggiungere al viaggio altre due tappe: l’isola del Borneo, la terza isola del mondo per superficie che ospita circa 3000 specie di alberi, 221 specie di mammiferi e 420 di uccelli; e Singapore, città stato nella punta meridionale della penisola malese. Tornati dalle isole Perhentian, si prende da Kota Bharu un volo operato da AirAsia che conduce a Kuching, capoluogo dello stato federale del Sarawak e maggiore città dell’isola del Borneo. Il volo costa all’incirca sui 30 euro. Da qui si fa rotta su Singapore sempre con AirAsia (costo del volo sempre sui 30 euro) e da Singapore si torna a Kuala Lumpur.

----

Stati Uniti: California, Nevada, Arizona


Per gli Stati Uniti è necessario il passaporto, e l’autorizzazione ESTA, con durata di due anni e da ottenere almeno 72 ore prima della partenza, tramite l’Electronic System for Travel Authorization. Per maggiori informazioni sul programma ESTA si può consultare il sito cbp.gov/travel.
Con due settimane a disposizione bisognerà per forza di cose rinunciare a qualcosa, per cui le tappe di questo ipotetico viaggio itinerante negli Stati Uniti, scegliendo California, Nevada e Arizona, potrebbero essere San Francisco, Yosemite National Park, Grand Canyon, Las Vegas e Los Angeles.

Volare a San Francisco l’8 agosto costa 1.349 euro se si sceglie di volare con Air Berlin da Milano Linate, con volo di 14 ore e scalo intermedio a Düsseldorf di un’ora e un quarto (tariffa eDreams).
Noleggiare poi un mezzo è sicuramente una scelta consigliabile. Prenotare quindi un’auto per tutta la durata della vacanza, dall’8 al 21 agosto, con ritiro a San Francisco e consegna a Los Angeles, costa dai 412 euro (con chilometraggio illimitato e protezione dai furti), affidandosi al portale easyCar.it, una sorta di motore di ricerca tra vari fornitori di noleggio auto e furgoni.

San Francisco e Yosemite (immagine di copertina), tra i parchi più frequentati negli USA, sulla catena montuosa della Sierra Nevada, distano all’incirca 165 miglia. Ci vogliono almeno tre ore di guida per raggiungere il parco in auto da San Francisco, scegliendo tra due entrate: Big Oak Flat (sulla 120) e Arch Rock (sulla 140). È consigliabile fermarsi a dormire nel parco, in uno dei diversi campeggi oppure nelle sue immediate vicinanze tra le città adiacenti, come El Portal e Mariposa.
Dal sito del parco è comunque possibile prenotare l’alloggio: ad esempio si pagano dai 389 dollari dal 10 al 13 agosto, presso Half Dome Village.

Yosemite e Las Vegas distano invece circa 480 miglia, con un viaggio in auto che richiede circa 8 ore. E non si può non visitare il Grand Canyon National Park, distante circa 270 miglia. Per chi volesse dormire all’interno del grande parco, ci sono hotel e campeggi sia nella zona del South Rim (aperta tutto l’anno), sia nel North Rim, ma sono presenti alloggi anche in località poco distanti, come Tusayan, Williams, Flagstaff e Jacob Lake. Ad esempio al Bright Angel Lodge, all’interno del Grand Canyon, si spendono 81 dollari a notte, prenotando indicativamente dal 16 agosto sul sito grandcanyonlodges.

270 miglia separano infine Las Vegas da Los Angeles che si raggiunge quindi in circa 4 ore e mezza di guida.
Tornare in Italia da Los Angeles costa 835 euro atterrando a Roma Fiumicino, con scalo intermedio di 2 ore a Dublino. La compagnia aerea è l’irlandese Aer Lingus.

----

Andalusia


Un viaggio itinerante nella regione più calda della Spagna può partire dalla visita di Siviglia. Skyscanner avvisa che i voli da Roma partono dai 102 euro (diretto, Ryanair), dai 208 quelli da Milano (diretto, Ryanair). Prenotato il volo bisogna decidersi su quali tappe seguire: tutto sta nel numero dei giorni che si hanno a disposizione. Il più classico degli itinerari in Andalusia non può non includere Siviglia, Cordova, Granada, Malaga, Ronda, Marbella, Gibilterra, Tarifa e Cadice, per un totale di circa 822 chilometri, 943 se si considera poi la strada da Cadice a Siviglia per la conclusione dell’itinerario.

Per una vacanza così, la macchina diventa assolutamente indispensabile. A quale tariffa? Affidandosi a Hertz, per un noleggio dall’8 al 21 agosto, i prezzi partono dai 454 euro con chilometri illimitati inclusi, prenotando una Hyundai i10 che ospita 4 passeggeri e pagando online, altrimenti costa 519 euro per chi paga a fine noleggio. Nella tariffa sono esclusi il carburante e l’assicurazione.

Prenotata l’auto, bisogna decidere in quali città fermarsi per più giorni e, eventualmente, se alcune visitarle in giornata, senza quindi prenotare l‘hotel. Le tappe indicate distano in media un centinaio di chilometri l’una dall’altra: si va dai 166 chilometri che separano Cordova da Granada, ai 44 che intercorrono tra Gibilterra e Tarifa.

Sicuramente vale la pena spendere qualche giorno in più a Siviglia, capoluogo dell’Andalusia, ma anche a Cordova, il cui centro storico è bene protetto Unesco e sede, per chi dopo il tour in città cerca un po’ di relax, dei bagni arabi più grandi d'Europa.
A Siviglia costa 117 euro a notte (Booking) il 3 stelle El Rey Moro Hotel Boutique Sevilla, prenotando dall’8 all’11 agosto, considerato da TripAdvisor tra i migliori della città. Più economico, ma comunque ben posizionato sul forum, il 3 stelle Monte Carmelo, con tariffa di 64 euro a notte. A Cordova costa invece 62 euro a notte (dall’11 al 13 agosto), Tryp Cordoba (3 stelle, Booking); 51 euro il 3 stelle Hotel Eurostars Maimonides, entrambi ben posizionati sul portale TripAdvisor.

Per chi vuole farsi qualche giorno di mare, deve anche considerare l’idea di fermarsi qualche giorno sulle città situate sulla costa, come Malaga, Tarifa e Cadice.

© Of-Osservatorio finanziario riproduzione riservata

Leggi Anche:


Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Leggi Privacy Policy.

Visita il sito