Come organizzare online la vacanza fai da te

Per organizzare un viaggio (anche oltre oceano) occorre necessariamente affidarsi a un’agenzia? Ovviamente no. Ci sono però dei passaggi da seguire scrupolosamente, per non lasciare nulla al caso. Ecco quali sono le fasi essenziali, dalla scelta della destinazione (che deve essere un luogo sicuro) alla programmazione dell’itinerario, con gli esempi di quattro destinazioni che si possono organizzare tranquillamente in autonomia: Thailandia, Malesia, Stati Uniti e Andalusia
di: Noemi Pizzola
11 Marzo 2016
Condividi

Si inizia con il volo (da cercare possibilmente al prezzo più conveniente), a cui seguono la raccolta di tutte le informazioni più utili, la pianificazione dell’itinerario, le prenotazioni degli alloggi e gli spostamenti interni. Tutto questo, ovviamente, dopo aver scelto la destinazione. Organizzare un viaggio fai da te, senza cedere alla tentazione di entrare in agenzia, è tutt’altro che semplice. Ma, sicuramente, ripaga di tutta la fatica fatta.

OfTravel segnala i passaggi fondamentali da seguire quando ci si appresta a organizzare una vacanza da viaggiatori indipendenti. La redazione, inoltre, ha selezionato alcuni viaggi itineranti in giro per il mondo, considerando una vacanza estiva di due settimane durante il periodo di agosto. Nel fare ciò non si vuole mostrare un minuzioso itinerario di viaggio giorno per giorno ma dare un’idea indicativa dei costi da preventivare e delle considerazioni da fare. E l’ultimo (e più atteso) passaggio sarà quello della partenza!

La destinazione, il volo, la guida di viaggio, le informazioni, l’itinerario


L’organizzazione del viaggio parte con la scelta della destinazione. Occorre infatti precisare che da viaggiatori indipendenti è meglio evitare alcuni paesi e regioni. Quali? Per saperlo nei dettagli, ed essere certi che la destinazione scelta non è a rischio, si può consultare il sito Viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri che non solo fornisce tutti gli avvisi importanti (allarmi terroristici, allerte meteo…) ma è anche un utile strumento di informazione sanitaria, sulla preparazione del viaggio e sulle precauzioni da seguire. Inoltre, con il servizio Dove siamo nel mondo, è possibile segnalare la propria temporanea partenza al Ministero degli Esteri, in modo tale da velocizzare gli interventi di soccorso in caso di necessità.

Un’altra considerazione da fare nella scelta della meta è: “Qual è il periodo migliore per visitarla?” . Ci sono infatti paesi che, durante i mesi estivi, non sono consigliabili a causa delle condizioni meteo e del clima.

Scelta la destinazione, la prima cosa da fare è prenotare volo di andata e di ritorno. È infatti impossibile costruire un itinerario efficace se non si hanno in mente le date di partenza e ritorno. Per ricercare il volo più conveniente ci si può affidare a un motore di ricerca voli (come Skyscanner) o alle agenzie di viaggi online (come Volagratis). Il consiglio comunque è di verificare poi sul sito della compagnia aerea se è possibile avere una tariffa ancora più conveniente. Attenzione poi al numero di scali (già affrontarne due diventa impegnativo) e all’ora di arrivo in aeroporto all’andata: meglio evitare di atterrare in piena notte.

Pagine: 1 2 3 4 5 Avanti


scenari immobiliari il Forum 2016 Of media partner