Giovani/1 Ritorna il mutuo per gli atipici. Ma quanto costa?

Non richiedono garanzie extra, costano meno, hanno tassi agevolati, durano molto di più (generalmente), finanziano anche il 100% del valore dell’immobile (a volte), e permettono di saltare le rate se non si riesce a star dietro ai pagamenti. Ma convengono davvero? Of-Osservatorio finanziario ha studiato alcune delle offerte a catalogo e ha messo a confronto tassi di interesse e rate mensili. E ha scoperto che...
di: Elisa Vannetti
27 Settembre 2011
Condividi

Leggi anche:
Giovani/2 Il conto under 35
Giovani/3 Gli studi, il master, lo stage all’estero si pagano a rate
Giovani/4 All’Università con la prepagata in tasca
Giovani/5 Siracusano (Intesa Sanpaolo): “Addio alla filiale di mamma e papà”
Giovani/6 Pagnoncelli (IPSOS): “Vi racconto il disagio dei giovani di oggi”

In genere servono garanzie extra, la firma di mamma e papà, fideiussioni. Ma come si fa se si ha un contratto a termine o a progetto e nessuno che possa garantire? E se poi si dovesse perdere il lavoro? Sul mercato è oggi disponibile una seconda generazione di prodotti a misura di giovane precario. La prima ondata, infatti, arrivata in filiale un paio di anni fa, non aveva riscosso consensi per via dei costi molto alti. Nella nuova riformulazione qualcosa è cambiato. Alcuni permettono di ottenere il finanziamento con un iter burocratico più veloce, anche senza garanzie aggiuntive. Altri corredano i loro prodotti a catalogo con polizze assicurative a copertura del credito per tutelare il giovane precario qualora si trovasse di punto in bianco senza lavoro. Altri ancora, puntano sulle opzioni di flessibilità, per saltare il pagamento delle rate, accodandole alla fine del piano di ammortamento. O allungando la durata del mutuo ottenendo così una spesa mensile più leggera. E generalmente hanno costi e spese extra più contenute rispetto ai tradizionali prodotti per la clientela ordinaria. Ma quanto costano davvero? E, soprattutto, quanto si spende alla fine del piano di ammortamento in totale?
Of-Osservatorio finanziario ha studiato alcune delle offerte a catalogo mettendo a confronto confronto tassi di interesse e commissioni di spesa aggiuntive. Per ciascun prodotto ha quindi calcolato rata mensile e montante, vale a dire il costo totale del finanziamento, cioè il capitale da restituire alla banca, comprensivo degli interessi, al termine del piano di rimborso. E ha utilizzato il caso ipotetico di un finanziamento di 100.000 euro da restituire in 15 anni con tasso fisso e con tasso variabile.

Montanti a confronto
Il miglior mutuo a tasso variabile, nel campione sotto esame, è Superflash di Intesa Sanpaolo. Il Tan applicato è pari al 3,367% per una rata mensile di 708,37 euro, mentre il montante da restituire alla banca è di 127.506,60 euro. Segue Banca Carige, con un interesse del 3,55% e una spesa mensile di 717,34 euro, per un montante di 129.121,20 euro. Occorre alla fine versare 132.784,20 euro per Mutuo On Off di MPS, con una spesa di 737,69 euro al mese e tasso del 3,96%. Mentre servono 775,25 euro al mese ad un tasso del 4,70% per Progetto Lavoro di UniCredit, che ha un montante finale di 139.545 euro. Infine, nell’ultima posizione del campione analizzato, Mutuo MY di Banca delle Marche con un interesse del 4,961%, che corrisponde ad una rata di 788,76 euro per un montante di 141.976,80 euro.

Il mutuo a tasso fisso più conveniente è Progetto Lavoro di UniCredit. In realtà si tratta di un mix tra fisso (applicato per i primi 5 anni) e variabile. Il montante, infatti, è di 142.906,20, per una rata mensile di 782,23 euro. Intesa Sanpaolo, con Superflash, mantiene il tasso applicato al tondo 5%, a cui corrisponde una rata mensile di 790,79 euro per un montante di 142.342,20 euro. Segue, con un montante di 147.074,40 euro, Mutuo On Off di MPS, con tasso al 5,50% e una rata mensile di 817,08 euro. Mentre il finanziamento per gli under 29 di Banca Carige ha Tan del 5,92% e rata mensile di 839,54 euro, e richiede una versamento complessivo di 151.117,20 euro. Infine, il più caro in assoluto tra quelli analizzati da Of, è Mutuo MY di Banca delle Marche: l’interesse arriva al 6,969%, per una rata di 897,10 euro e un totale da restituire alla banca di 161.478 euro.

Ma una delle caratteristiche peculiari dei mutui per i giovani è quella di avere durate massime di solito più lunghe (fino a 40 anni). Infatti un finanziamento più lungo significa anche rata più leggera. Ma (generalmente) questi prodotti presentano anche un tasso di interesse più elevato. E comunque un costo finale più elevato. Of-Osservatorio finanziario, pertanto, ha calcolato rata e montante per un finanziamento di 100.000 euro, utilizzando il caso limite, prendendo come durata massima quella stabilita da ciascun prodotto.

Pagine: 1 2 3 Avanti


scenari immobiliari il Forum 2016 Of media partner