Affari di Natale/Trasferire titoli e fare trading, ecco dove conviene di più (fino al 31 dicembre)

Risparmiatori alla ricerca di nuove forme investimento vengono premiati, ad esempio, da Deutsche Bank, Barclays e Mps. Ma a patto che i patrimoni trasferiti siano di almeno 20.000 euro. Oppure possono puntare, con BancoPosta, sul trading online o sui buoni fruttiferi (si partecipa a una lotteria che mette in palio al primo posto una casa). O, infine, regalarsi per Natale un lingotto d’oro di Banca Etruria. Ecco le proposte attive al momento
di: Eleonora Riva
17 Dicembre 2014
Condividi

Leggi anche:
» Affari di Natale/Le offerte last minute delle banche
» Affari di Natale/Conti in offerta, a ognuno il suo
» Affare di Natale/Fare shopping con le carte. Ecco le migliori offerte per le feste
» Affari di Natale/Mutui scontati (per chi riesce a ottenerli)
» Affari di Natale/Prestiti per godersi le feste
» Affari di Natale/I regali da mettere sotto l’albero si comprano in banca
» Affari di Natale/Con la banca si vola a Berlino, Istanbul, a Zanzibar, Birmania…
» Affari di Natale/L’a-b-c degli acquisti online. Con un occhio alla sicurezza

Con i conti di deposito in continua discesa e poche banche che ancora propongono un rendimento associato al conto corrente, stanno aumentando le forme alternative per effettuare piccoli investimenti o per mettere da parte qualche risparmio che possa rendere nel tempo. Le promozioni sono numerose e molto eterogenee. C’è chi punta sul trasferimento di fondi e titoli da altre banche premiando con un bonus o con l’annullamento dell’imposta di bollo. E chi punta su servizi e offerte particolati, come BancoPosta che regala una casa a chi sottoscrive buoni fruttiferi o Banca Etruria che invita per Natale a regalare un lingotto d’oro.

Un servizio su cui molte banche stanno puntato è il trading online. BancoPosta, ad esempio, fino al 31 gennaio 2015 regala Tradingboxgift100 ai nuovi sottoscrittori del servizio TradingOnline BancoPosta. Si tratta di un pacchetto che contiene 100 eseguiti pari a 400 euro in commissioni sul mercato secondario italiano. Non sono previsti costi di attivazione e i nuovi clienti hanno 4 mesi di tempo per effettuare gli eseguiti dalla data di attivazione del pacchetto.

Numerose anche le offerte relative al trasferimento titoli, spesso però dedicate solo a clientela affluent o premier con un patrimonio elevato. Come nel caso di Barclays: chi apre un conto corrente per clienti Premier (con patrimonio di 100.000 euro o con stipendio di almeno 5.000 euro) e apre un deposito titoli per trasferire o sottoscrivere strumenti finanziari ottiene il rimborso dell'imposta di bollo del 2015, per un importo massimo di 3.000 euro.

Fai la mossa vincente è il nome dell’iniziativa attivata da Deutsche Bank: chi, fino al 15 gennaio 2015, trasferisce almeno 50.000 euro in azioni e obbligazioni, Titoli di Stato, ETF e certificates, fondi comuni di investimento e Sicav oppure nuova liquidità, riceve un bonus pari all'1,00% del totale trasferito fino a un massimo di 5.000 euro. Il premio verrà riconosciuto tramite un voucher utilizzabile per l'acquisto di beni e servizi presso catene di esercenti convenzionati.

Sempre fino a fine anno, chi apre un conto con Fineco e trasferisce i titoli ottiene un bonus da 300 euro sulle commissioni di trading con almeno 50.000 euro di titoli trasferiti e un ulteriore bonus fino a 4.000 euro se gli importi trasferiti sono superiori a 100.000 euro. Lo stesso vale per Sposta il Dossier Titoli di Banca Marche: fino al 31 dicembre 2014, i clienti che trasferiscono titoli e fondi in Banca Marche possono beneficiare dell'esenzione dell'imposta di bollo per il 2014 sul controvalore dei titoli già detenuti presso un altro istituto, trasferiti e mantenuti fino al 28 febbraio 2015. Con Un Monte di Valore di MPS è necessario apportare entro fine anno nuova liquidità per almeno 25.000 euro. In questo modo si può ricevere un bonus fino a 5.000 euro sotto forma di rimborso delle spese/commissioni del deposito titoli o del conto corrente per il primo, secondo e terzo trimestre del 2015, nella misura dello 0,10% del controvalore netto della liquidità trasferita fino a un massimo di 2.000 euro e il rimborso dell’imposta di bollo ordinaria per tutto il 2015 fino a un massimo di 3.000 euro.

Pagine: 1 2 Avanti