Affari di Natale/Mutui scontati (per chi riesce a ottenerli)

Festività ricche di offerte per i finanziamenti. I tassi scendono in genere se la richiesta viene presentata entro fine anno. Ma attenzione: le condizioni sono spesso molto stringenti. In genere restano esclusi i giovani con contratti a tempo determinato. E il più delle volte è necessario versare la metà del valore della casa di tasca propria. Ecco tutte le cifre e i confronti
di: Elisa Vannetti
17 Dicembre 2014
Condividi

Leggi anche:
» Affari di Natale/Le offerte last minute delle banche
» Affari di Natale/Conti in offerta, a ognuno il suo
» Affare di Natale/Fare shopping con le carte. Ecco le migliori offerte per le feste
» Affari di Natale/Prestiti per godersi le feste
» Affari di Natale/Trasferire titoli e fare trading, ecco dove conviene di più (fino al 31 dicembre)
» Affari di Natale/I regali da mettere sotto l’albero si comprano in banca
» Affari di Natale/Con la banca si vola a Berlino, Istanbul, a Zanzibar, Birmania…
» Affari di Natale/L’a-b-c degli acquisti online. Con un occhio alla sicurezza

I regali di Natale non si trovano solo sotto l’albero. Anche le banche, per il periodo natalizio, mettono in offerta prodotti a prezzi scontati. E lanciano promozioni tutte a tempo determinato per chi decide di sottoscrivere nuovi servizi proprio a ridosso delle feste. Ecco allora che anche i mutui, soprattutto se richiesti da nuovi clienti, in occasione delle festività natalizie diventano più convenienti. Ma solo a patto che se ne richieda la sottoscrizione entro fine anno, o al più tardi entro i primi mesi del 2015. Of-Osservatorio finanziario ha messo a confronto tutte le offerte attivate dai grandi gruppi nazionali e da alcune banche regionali e territoriali (qui in ordine di capitalizzazione). E ha calcolato per ognuna rata e montante nel caso in cui si decidesse di richiedere a prestito 100.000 euro da restituire in 15 anni. Ecco quanto si risparmia da qui a fine anno. E quali sono le condizioni (a volte stringenti) per riuscire a rientrare nell’offerta. Sempre che, alla fine, si riesca davvero a ottenerne l’erogazione, ancora difficile, soprattutto per giovani coppie che difficilmente hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Ad essere premiati sono soprattutto i clienti poco esigenti, che richiedono a prestito somme in genere inferiori al 50% del valore della casa. Ecco allora che chi si rivolge a Intesa Sanpaolo, e si accontenta di ottenere non più di metà importo, ha tempo fino al 31 gennaio del prossimo anno per portare a casa uno spread dell'1,85%. Il tasso è variabile per una durata che non può superare i 20 anni. Mentre per i più veloci, fino a fine anno è la banca a pagare l'imposta sostitutiva, per un massimo di 2.000 euro su un mutuo da 100.000 euro.
Così, nel caso ipotetico indagato da Of di un mutuo di 100.000 euro da rimborsare in 15 anni si avrà un tasso annuo nominale dell’1,87%, per una rata mensile di 637,54 euro, e un montante comprensivo di capitale più interessi da restituire alla banca al termine del piano di rimborso di 114.757,20 euro.

Chi non può versare metà importo della casa in contanti e ha bisogno di farsi finanziare una percentuale maggiore del valore dell’immobile, invece, solo per dicembre può avvalersi di uno sconto dedicato che riduce lo spread dello 0,40%. In questo caso, quindi, supponendo di voler optare per un finanziamento di 100.000 euro da rimborsare in 15 anni, scegliendo il tasso variabile si avrà uno spread del 2,40%, invece che del 2,80%. Per una rata di 663 euro e un montante di 119.345,40 euro, contro i 122.752,80 che si dovrebbero sborsare in caso di tassi standard.

Pagine: 1 2 3 Avanti


scenari immobiliari il Forum 2016 Of media partner