logo-mini
OF News - OF Osservatorio Finanziario

SOMMARIO

Online gli sconti arrivano fino al 70%. Come resistere alla tentazione del risparmio? Eppure per molti il vantaggio (evidente) non basta. La poca dimestichezza col computer e il timore sui rischi della sicurezza fanno infatti da deterrente. Ma, per lanciarsi nello shopping virtuale in tutta tranquillità, bastano poche elementari operazioni. Ecco una breve guida che parte dalle “basi”. E dai big dell’e-commerce: Amazon, Apple e Google, dove per portare a casa un acquisto basta (anche) un solo clic

Leggi Anche:

Affari di Natale/L’a-b-c degli acquisti online. Con un occhio alla sicurezza

Leggi anche:
» Affari di Natale/Le offerte last minute delle banche
» Affari di Natale/Conti in offerta, a ognuno il suo
» Affare di Natale/Fare shopping con le carte. Ecco le migliori offerte per le feste
» Affari di Natale/Mutui scontati (per chi riesce a ottenerli)
» Affari di Natale/Prestiti per godersi le feste
» Affari di Natale/Trasferire titoli e fare trading, ecco dove conviene di più (fino al 31 dicembre)
» Affari di Natale/I regali da mettere sotto l’albero si comprano in banca
» Affari di Natale/Con la banca si vola a Berlino, Istanbul, a Zanzibar, Birmania…

Chi lo fa da tempo lo sa: comprare online comporta notevoli vantaggi, primo fra tutti quello di usufruire di sconti (anche) elevati, comodamente dal proprio divano di casa, senza sottoporsi a stress, maratone serratissime e conseguenti bagni di folla. Specialmente in periodo prenatalizio. Nonostante ciò, la presenza di ostacoli che bloccano, ancora nel 2014, a lanciarsi nell’universo dello shopping virtuale è evidente. I deterrenti sono principalmente due: pensare che il pagamento online non sia sicuro e che richieda sforzi troppo elevati e conoscenze del settore molto approfondite.
Ma così non è. Per ricredersi, ecco una veloce guida per effettuare pagamenti in tutta sicurezza, con pochi e semplici clic. A partire dai colossi del web.

Amazon, Apple e Google: per acquistare basta (anche) un solo clic
Quando si parla di e-commerce il pensiero vola subito ai big del settore che, non a caso, sono anche i protagonisti di una rivoluzione in atto che modificherà radicalmente il panorama dei pagamenti online e mobile. Il riferimento è ad Amazon, Apple e Google.
Come si acquista sui loro portali? Lo shopping avviene con simili (e semplici) modalità.
Per Amazon e Apple occorre registrarsi ai rispettivi siti, inserendo i dati personali e il metodo di pagamento che si preferisce tra quelli previsti.
Amazon, azienda leader nel commercio elettronico, accetta carte di credito Visa, Visa Electron, Postepay, American Express, Mastercard, Maestro Internazionale (emessa all'estero) e Carta Si, ma anche carte di credito virtuali. Non prevede invece bonifici, assegni, vagli postali, buoni libro, pagamenti tramite PayPal, trasferimenti bancari e pagamento in contrassegno.

Se si sono aggiunti più metodi di pagamento, quando si effettua un ordine è possibile selezionare il metodo che si preferisce e procedere così all’acquisto. Se invece il cliente ordina con la modalità 1-Click, questo non è necessario: basta infatti cliccare sul pulsante 1-Click e l’ordine viene automaticamente addebitato sulla carta di credito indicata nelle preferenze di pagamento per tali ordini. Il pagamento 1-Click è quindi associato a una carta di credito Visa, Visa Electron, MasterCard, American Express, CartaSi Visa, CartaSi MasterCard, Postepay o Maestro, e per attivarlo è necessario, dal proprio profilo, selezionare il tipo di carta di credito, digitare il numero, il nome del titolare e la data di scadenza. Alla carta va poi associato un indirizzo di consegna, diverso o uguale da quello già indicato.
Amazon fornisce poi un servizio di sms alert senza addebiti da parte della società che si attiva nel caso in cui si verificassero degli inconvenienti con la consegna del pacco; mentre è abbastanza recente la notizia che vedrebbe la possibilità di farsi consegnare i pacchi ordinati online negli uffici postali, un’alternativa al corriere espresso per chi magari è spesso fuori casa o trascorre la maggior parte della sua giornata in ufficio.

---- Funzionamento analogo per Apple e il suo Apple Store, dove è possibile trovare tutti gli articoli di casa Cupertino, con spedizioni gratuite sopra i 40 euro. È necessario quindi essere registrati con un ID Apple, procedimento in cui vengono richiesti indirizzo di consegna e metodo di pagamento. Nei dettagli del metodo di pagamento, l’utente è chiamato a scegliere tra carta di credito, carta regalo Apple Store, finanziamento (gestito da Agos Ducato) o bonifico bancario. Nel caso in cui il metodo prescelto fosse quello della carta di credito (Visa, MasterCard o American Express), occorre digitarne il numero, il codice di sicurezza e la data di scadenza. Se si sceglie la carta regalo, bisogna invece procedere con l’inserimento del pin, mentre se si opta per il bonifico bancario, l’ordine non viene creato fino a quando Apple non riceve il pagamento e l'accredito della somma dalla banca. Le istruzioni su come effettuare il pagamento vengono fornite nella pagina di ringraziamento visualizzata dopo l'invio dell'ordine, nonché nella successiva mail di conferma.
Per scegliere un metodo di pagamento alternativo, è invece necessario annullare l'ordine esistente e inoltrare un nuovo ordine con il nuovo metodo di pagamento.

Inoltre, qualora fosse necessario, è possibile in ogni momento contattare un operatore via chat e porgli le proprie domande.
Per la sicurezza Apple assicura di avvalersi dello standard di settore SSL (Secure Socket Layer), il livello superiore di sicurezza attualmente disponibile per le applicazioni web-secured. SSL si affida a due tecnologie di codifica, pubbliche e private, fornite da Verisign e basate su un algoritmo di codifica a 40 bit sviluppato da RSA Data Securit.

Google con il suo Play Store, dove oltre a app, film, libri e riviste è possibile acquistare anche dispositivi tecnologici, prevede un funzionamento che si discosta di poco da Amazon e Apple. Per fare acquisti su Google Play è infatti necessario avere un account Google Wallet, il servizio gratuito che consente di memorizzare i dati di pagamento e la cronologia delle transazioni. Per configurare un account Google Wallet occorre avere un account Google o utilizzare Gmail (attivabili direttamente da Google Play). Nel momento in cui si procede con la configurazione dell’account del Wallet è necessario inserire nome, cognome, paese, cap e metodo di pagamento desiderato, a scelta tra carta di credito o di debito (con data di scadenza e codice di sicurezza) American Express, MasterCard, Visa, Visa Electron (solo fuori dagli Stati Uniti), Discover (solo negli Stati Uniti) e JCB (solo in Giappone e negli Stati Uniti).

---- È possibile cambiare il metodo di pagamento o aggiungerne uno nuovo prima di effettuare l’acquisto. L’operazione si può disporre da mobile, Android Tv o computer. L’utente può anche scegliere di eliminare un metodo di pagamento precedentemente aggiunto.
Google Wallet non può essere utilizzato con bonifici bancari, Western Union, Money Gram e servizi di deposito a garanzia, mentre PayPal può essere utilizzato per acquistare app e contenuti digitali.
Gli acquisti tramite Google Wallet non prevedono commissioni aggiuntive. Significa che il cliente paga solo i suoi acquisti, le imposte applicabili e le spese di spedizione. Inoltre per evitare acquisti accidentali o indesiderati, è possibile utilizzare la protezione tramite password, che rimane la stessa utilizzata per accedere a Gmail o a Google Play dal computer.

Su tutti e tre i siti di Amazon, Apple e Google, esiste la possibilità di acquistare un articolo servendosi della carta regalo di cui si è in possesso. Ovviamente è possibile acquistarne una nuova e regalarla a un parente o un amico che sceglierà quindi personalmente cosa “regalarsi”. A disposizione esistono vari buoni regalo, caratterizzati da tariffe diverse: su Apple, ad esempio, le carte regalo vanno dai 25 ai 2.000 euro; su Amazon dai 20 ai 3.000, con la possibilità di spedire il buono per posta, via mail, stamparlo e personalizzarlo; mentre su Google le tariffe sono più ridotte e vanno dai 15 ai 50 euro. La carta regalo può essere un’ottima soluzione per quei regali fatti all’ultimo momento oppure se si è a corto di idee o ancora se non si conoscono bene i gusti del destinatario del regalo.

Altri metodi di pagamento: PayPal…
PayPal è un sistema di pagamento utilizzabile da chiunque sia in possesso di un indirizzo mail che permette di inviare o ricevere pagamenti online in 203 Paesi nel mondo e in 26 valute diverse. Le dimensioni della sua rete di pagamenti e la crescente diffusione (negli Stati Uniti il 72% degli acquirenti online ha un conto PayPal), gli hanno permesso di diventare una delle aziende leader nel settore dei pagamenti su Internet.
Per utilizzarlo è necessario aprire gratuitamente un conto PayPal, confermare un indirizzo mail e associare un metodo di pagamento, tra carte di credito, prepagate, prepagata PayPal (è possibile richiederla direttamente online) o saldo PayPal. Gli utenti verificati possono aggiungere fino a 8 carte, registrate su un solo conto PayPal alla volta, e in ogni momento è possibile rimuovere o modificare una carta precedentemente inserita.

---- Al momento dell’acquisto non è necessario inserire numero di carta, data di scadenza e codici di sicurezza, ma semplicemente indirizzo mail e password del conto PayPal. Inoltre se si acquista in euro non ci sono spese di commissione (sostenute invece dal venditore e corrispondenti a 0,35 euro per transazione), mentre per le spese in valuta diversa viene applicata una tariffa per la conversione. E se si ha un programma fedeltà associato alla propria carta, si continuano comunque ad accumulare punti.

PayPal assicura poi protezione sugli acquisti. Infatti, se un articolo ordinato non arriva a destinazione, non corrisponde alla descrizione del venditore, viene recapitato danneggiato o è un’imitazione del marchio acquistato dal cliente, è possibile richiedere il rimborso dell’intero importo, incluse le spese di spedizione, entro 45 giorni dalla data di acquisto. PayPal assicura inoltre di non comunicare al venditore il numero di carta o altri dati personali nel momento in cui si effettua shopping online, e ogni singola transazione viene monitorata 24 ore su 24, per prevenire frodi, email di phishing e furti di identità, attraverso avanzati sistemi di crittografia automatica.

carte prepagate, carte di credito e carte virtuali
Hanno un costo contenuto e permettono di effettuare tutte le principali operazioni bancarie. Spesso con condizioni vantaggiose per giovani e studenti, le prepagate possono anche includere la funzionalità contactless o coperture assicurative per gli acquisti effettuati online. E infatti, uno dei plus delle prepagate, è proprio quello di consentire lo shopping online. Il vantaggio più ovvio rispetto alla carta di credito sta nel fatto che, in caso di abusi, si è sicuri che il danno subito non potrà superare il valore della carta prestabilito. Molte carte includono poi il servizio di sms alert che, con un semplice messaggio inviato sul cellullare del cliente, segnala le principali operazioni effettuate dalla carta.

Il pagamento con carta di credito, tra i più tradizionali e utilizzati del web, prevede invece che il cliente invii all'esercente gli estremi della propria carta di credito che vengono poi trasmessi alla banca. Le carte di credito vengono rese sicure grazie ai circuiti internazionali MasterCard SecureCode (fornito da MasterCard) e Verified by Visa (fornito da Visa). Generalmente è poi disponibile gratuitamente il servizio di sms alert che fornisce al cliente un monitoraggio delle principali operazioni effettuate con la carta, mentre per essere avvertiti di ogni singola transazione effettuata è solitamente necessario pagare un servizio “plus”.

---- In commercio esistono anche carte virtuali per acquistare online in tutta sicurezza. La carta, come suggerisce il nome, non è “fisica” ma viene identificata solamente da un codice. Quest’ultimo può essere monouso oppure valido per una durata più prolungata ma comunque limitata nel tempo e viene fornito dalla banca come un codice di 16 cifre. Un esempio di carta virtuale è la e-Postepay di BancoPosta, carta elettronica virtuale prepagata che può essere utilizzata presso tutti gli esercizi commerciali online convenzionati con MasterCard, con un limite di 999 euro per ogni operazione. La carta può anche essere sostituita dalla carta fisica Postepay NewGift al costo di 5 euro, presso gli sportelli postali.

Carte di credito e prepagate (ma esistono in commercio anche bancomat abilitati allo shopping online) possono poi prevedere il servizio extra di PAN, con un funzionamento analogo alle carte virtuali, solo che in questo caso il codice usa e getta è associato a una carta “fisica”. Ad esempio, la carta prepagata SuperFlash di Intesa Sanpaolo prevede il servizio collegato Pagamenti sicuri via Internet che consente di generare una carta virtuale usa e getta valida per un unico acquisto oppure una carta virtuale di durata valida per massimo 12 mesi. Sia per la carta virtuale “monouso” che per quella di durata è poi possibile indicare un importo massimo spendibile. Il servizio Pagamenti sicuri consente inoltre di personalizzare la password inviata dalla banca e modificarla ogni volta che lo si desidera.

MyBank
MyBank è una soluzione di autorizzazione elettronica per effettuare in modo sicuro pagamenti online usando il servizio di online banking della propria banca o una app da smartphone o tablet, collegando le banche in tutta Europa in tempo reale. Per fare ciò MyBank crea un collegamento diretto online tra il conto corrente bancario del cliente e la banca dell’esercente, evitando di richiedere e memorizzare dati personali. In questo modo l’identità del cliente e i suoi dati sensibili sono sempre protetti. Ma come funziona? Arrivato il momento di pagare, occorre selezionare MyBank come metodo di pagamento e digitare il nome della propria banca (che deve aver aderito al servizio MyBank). Si viene così reindirizzati al servizio di Internet banking della banca. Una volta effettuato l’accesso all’area riservata, si visualizzano i dati di pagamento per un’ulteriore verifica, per poi procedere con la transazione. Il venditore e il compratore ricevono pochi istanti dopo la conferma di avvenuto pagamento. Ad oggi sono 143 le banche che hanno aderito al servizio in tutta Europa, tra cui tutte le maggiori italiane.

Anche il bancomat sul web nel 2015
Infine una recente novità. Da fine marzo 2015 sarà infatti possibile pagare gli acquisti online anche con il bancomat. Ad oggi le informazioni sono poche, se non quella che all’utente non verrà richiesta la digitazione del pin o il numero identificativo della carta, mentre sarà necessario chiedere alla propria banca l’attivazione della funzione. Al momento di pagare l’acquisto, si verrà poi reindirizzati al sito della propria banca che provvederà a effettuare l’operazione in tutta sicurezza.

» Torna alla homepage dello speciale

© Of-Osservatorio finanziario riproduzione riservata


Il nostro network

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Vai al sito

Visita il sito